giovedì 6 ottobre 2011

Quando si ha la testa piena di pensieri, la sensazione di "vuoto" che si ha nello scrivere è enorme, quasi sconcertante. La cosa peggiore è che ti chiedi se è il caso o no di parlarne: scaramanzia, strettamente personale, notizie in fuga che non vuoi che fuggono, tenerle tutte dentro a volte crea solo confusione, ed il problema è che non si può fare ocme per i mestieri in casa in cui il miglior alleato è il sacco della spazzatura buttandole via, perchè via, certe cose non se ne vanno a meno che non maturino e non facciano il loro naturale corso.

Così rimangono manciate di pensieri sparsi come il fatto che "il miglior alleato per fare la pulizie in casa non è l'aspirapolvere, ne il panno cattura polvere, ma il sacco della spazzatura!" oppure " ma che ca770 tiri a fare il motore del tuo CBR appena acceso che non è così che lo scaldi, ma semmai lo rompi!" Pensieri da cui potrebbero partire dei post di considerazioni varie (dall'ultimo un post di pure invettive verso i motociclisti-ignoranti fomentato dalla mia smisurata voglia di moto).

potrei appendermi in fronte un cartello "Chiuso per sovraffollamento incasinato di pensieri" e potrebbe rendere benissimo la situazione.

Bene ora metto su il caffè all'alba delel 6.16. Chi ne vuole una tazza?

4 commenti:

  1. Arrivo tardi, ma lo bevo anche freddo. Ce n'è ancora?
    Roberta

    RispondiElimina
  2. utente anonimo7 ottobre 2011 16:07

    Tittiz sbloggata

    Post che capisco bene, benissimo...

    Tittiz sbloggata

    RispondiElimina
  3. quanto ti capisco ...

    anche se sono le 6.40 pm .. dopo una settimana infernale me lo offri lo stesos il caffe' ?

    Un abbraccio virtuale

    RispondiElimina