martedì 4 luglio 2006

Da ieri sto volando con la fantasia.

In facoltà è periodio di tesi e anche dalla biblioteca sigillata per l'aria condizionata si sentivano scrosci d'applausi e cori "goliardici" per quello che ne concerne la scarsissima tradizione goliardica milanese.
Mi ha assalito un briciolo di magone, ma anche una euforia pazzesca: mi mancano veramente pochi esami (9 su 35) e così mi sono ritrovata a viaggiare con la fantasia al giorno della mia tesi.

La prima cosa che desidero è che a discuterla non ci voglio andare vestita come una debosciata come ho visto ieri. Voglio essere bella e raggiante: vedrò se riesco a  rientrare nel mio tailleur ( purtroppo a 23 anni portavo la 42 ora la 46 e solo di fianchi..) e magari dargli una aggiustatina perchè non è propriamente classico ( solo piccoli dettagli di moda). Lo so l'abito non fa il monaco ma quella è la MIA festa è la MIA giornata e se voglio essere ben vestita lo sarò.

Ed ovviamente per bel vestito anche acconciatura degna: andrò da un parrucchiere a farmeli tirare su in modo sobrio, ma che durino e non inizino ad esserci ciuffi svolazzanti come nelle trecce e negli chignon che faccio io; e perchè no magari mi faccio pure truccare: se metto mano io ai trucchi vengo fuori come un procione...

Foto. ci sparo al fotografo: perchè devo pagare te quando chiunque le può fare? solo perchè hai la super-macchina-fotografica ? No grazie con quello che spendo da te per una stampa ci sviluppo un rullino intero.

Fiori. Rossi e solo rossi. Accetto solo un po' di statice bianco in mezzo, ma niente composizioni con robe gialle, arancioni o chissacchè: il massimo sarebbero papaveri, ma sono fiori che non vengono coltivati per farne bouquet. Tuttavia ho già deciso che li cercherò in fil di ferro per chiudere i sacchettini dei confetti che farò io.

Post laurea. Non so cosa farò ma so solo che non ho intenzione di tornare a casa e cucinare, e non ho intenzione di tornarci per dormire: letto diverso che non ho fatto io, coccole di trovare una camera pulita (figuratevi se casa mia possa essere in grazia divina in quel periodo) una colazione il giorno dopo che non sia il mio solito caffè...

E più ci pensavo e più mi pareva che si trattasse di un matrimonio con prima notte di nozze più che una festa di Laurea.

Beh, tutto sommato la discussione della tesi non è un matrimonio con una professione, che per me è la più fantastica che esista?

12 commenti:

  1. Hai ragione, Laura.
    E' proprio un matrimonio con la tua professione, e di quelli che non prevedono annullamenti o divorzi.
    Quel giorno lì sarai raggiante davvero.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, Laura.
    E' proprio un matrimonio con la tua professione, e di quelli che non prevedono annullamenti o divorzi.
    Quel giorno lì sarai raggiante davvero.

    RispondiElimina
  3. E io ti auguro con tutto il cuore di riuscire a creare una giornata bella come la sogni, sarà l'inizio di un'avventura piena di soddisfazioni.
    Mamigà
    Ps. Devo iniziare a ricamarti papaveri? ;P

    RispondiElimina
  4. E io ti auguro con tutto il cuore di riuscire a creare una giornata bella come la sogni, sarà l'inizio di un'avventura piena di soddisfazioni.
    Mamigà
    Ps. Devo iniziare a ricamarti papaveri? ;P

    RispondiElimina
  5. @ fully: grazie :)

    @ mamigà: no non serve ho un pezzi di velo di seta rosos che ho tenuto apposta per farci i sacchettini

    @ krishel: perchè " no comment"? vabbè poi ti becco in chat e ti faccio il contropelo

    RispondiElimina
  6. @ fully: grazie :)

    @ mamigà: no non serve ho un pezzi di velo di seta rosos che ho tenuto apposta per farci i sacchettini

    @ krishel: perchè " no comment"? vabbè poi ti becco in chat e ti faccio il contropelo

    RispondiElimina
  7. wow! ho trovato una cosa che davvero fa la differenza tra me e te.
    non mi piace per niente l'idea dei confetti di laurea... proprio non la mando giù...
    e poi io il mio giorno della laurea l'ho vissuto come la fine del tunnell e non vedevo l'ora che finisse e basta... ma questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
  8. wow! ho trovato una cosa che davvero fa la differenza tra me e te.
    non mi piace per niente l'idea dei confetti di laurea... proprio non la mando giù...
    e poi io il mio giorno della laurea l'ho vissuto come la fine del tunnell e non vedevo l'ora che finisse e basta... ma questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
  9. @ meg anch'io me ne infischierei dei confetti se non fosse che ho questo pezzo di velo che sembra fatto apposta "per"! :)

    RispondiElimina
  10. Confesso di aver preso il fotografo e di non aver resistito alla tentazione di avere gli scatti della discussione: sembravo proprio una persona seria! :-))))
    E comunque il più grosso in bocca al lupo per ogni cosa!

    RispondiElimina
  11. Confesso di aver preso il fotografo e di non aver resistito alla tentazione di avere gli scatti della discussione: sembravo proprio una persona seria! :-))))
    E comunque il più grosso in bocca al lupo per ogni cosa!

    RispondiElimina