lunedì 10 aprile 2006


Primavera Musicale


 


Già questo è il bilancio che posso dare di questa primavera che continua a viaggiare su note musicali tanto da portarmi spinta da “talkin’bout a revolution” di Tracy Champman a riprendere in mano quella meraviglia verde che è la mia Chitarra, quella che per fortuna non sono riuscita a vendere.



Così dopo un paio di ricerche su internet ho in mano accordi e testo e vado a fare due chiacchiere con una vecchia amica.


Non ci ho messo molto ad arrendermi ad imparare una canzone nuova dopo anni di fermo della pratica però ho provato a fare qualche accordo di qualche canzone conosciuta, e... sprizzavo ruggine da dovunque, ma qualcosa di buono saltava fuori!  Ho provato con una canzone che mi piace tantissimo, ma non mi tornava qualcosa c’era qualcosa di sbagliato negli accordi. Chiamo Alberto inchiodato a casa da circa un mese per una brutta caduta in moto. Che mi fa “si ti do subito gli accordi,aspetta un attimo che li tiro fuori…” e per “tirare fuori” intende dalla sua testa  non da un canzoniere!


Mi dà in un batter d’occhio gli accordi con tanto di assolo iniziale che non ho mai imparato e che non so da che parte cominciare. Poi mi spiega come ricavare minori e settime e mi rendo conto che la mia preparazione da autodidatta fa schifo. Così concordo qualche lezione per una teglia di tiramisù: Alberto è un uomo facilmente convincibile e grazioso sia d’aspetto che nei modi di fare.


Mi metto lì, faccio un sacco di errori l’elasticità non c’è più ne di destra ne di sinistra, ma mi sento felice e trascrivo qui una delle canzoni più belle che conosca e la conosco a memoria: niente copia ed incolla tutto dalla mia testa. La canto solo per me, perché dicono che sono stonata e mi vergogno tanto se così fosse ( non mi ha mai sentito cantare un maestro di musica quindi non so se sia vero o falso) perché mi piace cantare, tanto, tantissimo. E la dedico ad Alberto che quando mi ha portato il blocchetto accensione della moto mi ha incoraggiato a non smettere, a chi non ha voluto la mia chitarra perché bella di suono ma brutta di aspetto, a chi mi è vicino pur abitando a centinaia id Km di distanza, a chi mi ama per quella che sono.


 


Wish you were Here - Pink Floyd


 


So, so you think you can tell


Heaven from Hell,


blue skies from pain.


Can you tell a green field


from a cold steel rail?


A smile from a veil?


Do you think you can tell?


 


And did they get you trade


your heroes for ghosts?


Hot ashes for trees?


Hot air for a cool breeze?


Cold comfort for change?


And did you exchange


a walk on part in the war


for a lead role in a cage?


 


How I wish, how I wish you were here.


We're just two lost souls swimming in a fish bowl,


year after year,


running over the same old ground.


What have we found?


The same old fears,


wish you were here.


12 commenti:

  1. Questa è anche per me uno dei pezzi da ricordare... Ecco gli accordi (semplici semplici per la verità) se già non li avessi... Prendilo come un ulteriore incoraggiamento...

    intro:
    Mim Sol Mim Sol Mim La Mim La


    Sol Do Re

    Lam Sol Re

    Do Lam Sol

    Do Re Lam

    Sol Re Do

    Lam Sol


    durante il solo, con sotto gli accordi Mim Sol Mim Sol Mim La Mim La


    Do Re Lam

    Sol Re Do

    Lam Sol



    e poi ripeti...

    we found the same old fears, wish you were here.

    RispondiElimina
  2. Questa è anche per me uno dei pezzi da ricordare... Ecco gli accordi (semplici semplici per la verità) se già non li avessi... Prendilo come un ulteriore incoraggiamento...

    intro:
    Mim Sol Mim Sol Mim La Mim La


    Sol Do Re

    Lam Sol Re

    Do Lam Sol

    Do Re Lam

    Sol Re Do

    Lam Sol


    durante il solo, con sotto gli accordi Mim Sol Mim Sol Mim La Mim La


    Do Re Lam

    Sol Re Do

    Lam Sol



    e poi ripeti...

    we found the same old fears, wish you were here.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo11 aprile 2006 22:18

    Luciana ha un ottimo prg per chitarra, Guitar Pro, con una tale marea di spartiti, arrangiamenti, accordi, tablature etc. etc...
    E' veramente bello, se vuoi te lo passo.

    Bella la tua classica verde...

    RispondiElimina
  4. utente anonimo11 aprile 2006 22:18

    Luciana ha un ottimo prg per chitarra, Guitar Pro, con una tale marea di spartiti, arrangiamenti, accordi, tablature etc. etc...
    E' veramente bello, se vuoi te lo passo.

    Bella la tua classica verde...

    RispondiElimina
  5. Ti lascio un sorriso e buona giornata.
    monica

    RispondiElimina
  6. Ti lascio un sorriso e buona giornata.
    monica

    RispondiElimina
  7. Fede (utente anonimo) non è una classica, é un acustica....

    RispondiElimina
  8. Fede (utente anonimo) non è una classica, é un acustica....

    RispondiElimina
  9. (Fede) ...strano, di solito le acustiche hanno l'incavo per le note più acute, ma dalla foto non si vede bene la larghezza del manico

    RispondiElimina
  10. Fede al di là della larghezza della tastiera, la classica ha curve molto più morbite, la cassa è in proporzione più stretta, non ha la protezione per il plettro e non ha le chiavi metalliche messe come sulla mia.
    A parte l'XT questa è l'unica yama interessante che conosca. ;)

    RispondiElimina
  11. Fede al di là della larghezza della tastiera, la classica ha curve molto più morbite, la cassa è in proporzione più stretta, non ha la protezione per il plettro e non ha le chiavi metalliche messe come sulla mia.
    A parte l'XT questa è l'unica yama interessante che conosca. ;)

    RispondiElimina