lunedì 1 maggio 2017

una marea di cazzate

Poco meno di 2 anni fa il pc che uso tutt'ora e che era quello di mia mamma, iniziò a dare segni di cedimento: la tastiera in parte non funzionava più. Il problema era aggirabile tramite una tastiera esterna e così feci. Purtroppo le prese usb stanno cedendo e questo diventa sì un problema. Ho preso un nuovo pc ed ora mi sto imbattendo nella salvezza di tutto quello che ho sul disco fisso che sono...

...una marea di cazzate.

Ho raccolto files di ogni sorta con l'idea che prima o poi sarebbero tornati utili, ma non li ho più o non li ho mai guardati. Ed ora mi accingo a "salvare tutto" perchè " non ho tempo" per controllare e decidere cosa tenere e cosa buttare. Ecco, sarà effetto del libro di Francesca, o sarà quel che sarà, ma mi chiedo: quante cose ci portiamo dietro fisicamente e mentalmente, che sono del tutto inutili e che abbiamo preso con noi solo perchè in un determinato momento ci sembravano cose importanti? E' ora di liberarsene, sono inutili. Files già visti o letti che non rivedremo o rileggeremo, senza contare quelli che non sono mai stati nemmeno considerati; oggetti, e lavoro più difficile le "cose mentali" che sono quelle più brave a mascherarsi da "utili ad ogni costo".

1 commento:

  1. a volte abbiamo la sindrome da accumulo ... io per primo

    RispondiElimina